GOS-Benvenuto Autunno.


Il lago era immerso nel silenzio, come se avesse inghiottito tutti i rumori.

La superficie sembrava uno specchio, s’increspava a ogni soffio di vento.

Si sentiva soltanto, ora alto, ora basso, il canto degli uccelli.”

“The lake was immersed in silence, as if it had swallowed all the noises. The surface looked like a mirror, it rippled at every wind blowing.

It only felt, now high, now low, the song of the birds. ”  Ph: Luca Paladini Foto.

E’ un pomeriggio di inizio Ottobre, prendo la mia tavola e vado a fare una passeggiata al lago.

La sabbia nera bagnata scivola sotto i miei piedi, al ritmo lento dei miei passi.

Silenzio intorno, un odore intenso di erbe aromatiche, una fresca brezza mi accarezza il volto e mi scompiglia affettuosamente i capelli.

Mentre cammino penso che sarebbe bellissimo se il tempo si fermasse a questo istante, se questa spiaggia potesse rimanere sempre così. Deserta,  silenziosa,  talmente lontana dal mondo.

Tutto ha lasciato spazio alla tranquillità. Con la fine della stagione e della confusione dei bagnanti, la natura ha iniziato a riprendere il suo selvaggio corso naturale.  Mentre pagaio, gli anatroccoli mi si avvicinano incuriositi,  per poi fuggire seguendo mamma anatra,  dal largo vedo  la riva che inizia a riempirsi di sterpaglie e  legni portati dalle prime perturbazioni autunnali.

Mi concedo una sosta lungo le sponde, resto ad occhi chiusi,  finche il suono di una foglia secca trascinata dal vento… mi riporta alla realtà, è la prima solitaria sentinella…  dell’estate che si allontana.

It’s a October early afternoon, I take my board and go for a walk to the lake.

The wet black sand slips under my feet at the slow pace of my footsteps.

Silence around, an intense smell of aromatic herbs, a cool breeze caresses my face and affectionately distracts my hair.

As I walk I think it would be great if the time stopped at this moment, if this beach could always stay that way. Deserted, silent, so far from the world.

Everything has left room for tranquility. With the end of the season and the confusion of bathers, nature began to resume its wild natural course. As a paddle, the ducklings approach me curiosely, then run away following my mother’s duck, from the wide side I see the shore that begins to fill with pits and woods brought from the early autumn perturbations.

I give myself a stop along the shore, I stay with my eyes closed, until the sound of a dried leaf dragged by the wind … brings me back to reality, it is the first lonely sentinel … of the summer that moves away.

Il sole inizia a calare e la luce si fa calda ed avvolgente, c’è un’aria sospesa di trapasso, la bella stagione pareva non dover mai finire, ma è costretta a lasciare il posto alle prossime.

La malinconia è la prima tentazione che mi nasce dentro  e per un po’ va anche bene tenermela;  con i suoi colori, le sue dolcezze, la libertà che mi ha  offerto, l’estate ha ben diritto al mio rimpianto, ma senza indugiare troppo.  Mi attendono altri piaceri, diversi e non meno suggestive giornate sulle rive di questo  lago.

Tra poco saranno tante le foglie gialle o rosse , a dare colori luminosi al viale della  mia  passeggiata.

La passione per il Sup è stata una meravigliosa conquista per la mia vita e mi regala sempre incredibili momenti  di pace, armonia e creatività.

“Io non amo l’uomo di meno, ma la Natura di più”

The sun begins to fall and the light becomes warm and enveloping, there is a suspended air of passing, the beautiful season seemed to never end, but is forced to leave the place to the next.

Melancholy is the first temptation that is born in and for a while it is also good to keep it; with its colors, its sweetness, the freedom it has given me, the summer is right to my regret, but without much delay. I enjoy other pleasures, different and no less impressive days on the shores of this lake.

Soon there will be many yellow or red leaves, to give bright colors to the avenue of my walk.

Passion for the Sup has been a wonderful achievement for my life and it always gives me incredible moments of peace, harmony and creativity.

“I do not love man less, but nature more”

Grazie ad Emanuele Guglielmetti e al Centro Velico 3 V  Kite/Wind/Sup di Trevignano per l’ospitalità e per la fornitura della tavola Starboard.  Continuate a seguirmi sulla Pagina Face Ciretta Wanderlust.   Alla prossima avventura.

Thanks to Emanuele Guglielmetti and the 3 V Kite / Wind / Sup of Trevignano Velico Center for hospitality and the supply of the Starboard table, the future of innoviation quality.

See you next and keep following me on  Face Ciretta Wanderlust site.

To the next adventure.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *