Spagna: Caminito del Rey… estremo e suggestivo.


Caminito del Rey … estremo e suggestivo.

5-2

El  Caminito del Rey è un percorso costruito lungo le pareti del Desfiladero de los Gaitanes a El Chorro,

vicino ad Álora (Malaga) in Andalusia.

Si tratta di un passaggio pedonale di 8 km con lunghe rampe larghe appena 1 metro, sospese fino a 100 metri di altezza sul fiume, su pareti praticamente verticali.

Fino a poco tempo fa questo percorso era considerato uno dei più pericolosi del mondo.

Si trovava in condizioni fatiscenti, quasi tutto privo di balaustre e con dei tratti crollati dove restava solo la trave di supporto. Negli anni Tutti questi fattori hanno contribuito alla nascita di una leggenda nera,  in seguito alla morte di alcuni escursionisti che avevano cercato di attraversarlo.

Oggi è stato completamente ristrutturato e sebbene sia più sicuro, una cosa non è cambiata:

l’esperienza unica di camminare su passerelle costruite tra gole a più di 100 metri di altezza.

Dopo i restauri, è stato aperto il 28 marzo 2015 ed io ho deciso di percorrerlo…

Appena arrivati sulle rive del fiume Guadalhorce resterete subito incantanti dalla bellezza del paesaggio, selvaggio ed entusiasmante.

L’ingresso per il Caminito è di 1 gruppo (20 persone c.a.) ogni 30 minuti.

Per arrivarci attraverserete una grotta lunga 1 km, non molto agile per chi è più alto di 1mt e 70!  Ma molto suggestiva!!

Dall’altra parte si aprirà ai vostri occhi la vista sulla vallata davvero incantevole..

All’ingresso, il Cammino  vi sembrerà la solita attrazione snaturata dal turismo di massa, ma ora di percorrere il primo tratto e lasciare ai gruppi il tempo di  prendere la giusta distanza…

e le persone vi sembreranno diradarsi… da li potrete prendere tutto il tempo necessario per godervi a pieno la vostra esperienza ….

Già ai primi passi vi renderete conto di quanto può essere maestosa la natura a confronto dell’uomo, il panorama creato da questo canyon naturale dai mille colori, scavato dal fiume Guadalhorce è entusiasmante, vi troverete all’interno di un  crepaccio tra due  pareti rocciose che si innalzano quasi verticali sulla vostra testa…. dando un forte senso di vertigine.

Del totale dei chilometri,  4,8 sono di accesso e trekking tra le montagne & 2,9 di passerelle appese alle pareti verticali delle rocce. Il cammino, attraversa i paesaggi dello scenario naturalistico della gola dei Gaitanes e non vi deluderà nemmeno il pezzo del sentiero che percorrete dopo le prime passerelle, quello tra le montagne. Ma la meraviglia e l’adrenalina se ancora non vi è salita.. arriverà verso la fine del percorso, quando le passerelle diventeranno  più alte e giungerà il momento di passare da una parete rocciosa all’altra, attraverso un ponte fatto a  griglie, sospeso ed oscillante   (per il vento e i vostri passi) !

La zona è popolata da una grande quantità di specie vegetali e animali e con un po’ di fortuna riuscirete ad avvistarne qualcuno.

 

Info utili:

ingresso NORD: entrata del Caminito – ingresso SUD: uscita dal Caminito

E’ unidirezionale,  si percorre unicamente da Nord a Sud e all’uscita Sud troverete delle navette che fanno un servizio di trasporto per riportarvi all’ingresso Nord. (con il biglietto prenotato sul  sito ufficiale, il trasporto sarà incluso, con quello preso tramite il ristorante  invece, dovrete pagarlo a parte € 1,20\persona)

Biglietti di ingresso:

data la grandissima affluenza  , se proverete a riservarli sul sito ufficiale http://par.janto.es/accesoCaminitoRey.php vi accorgerete che  prenotarli è impossibile ! (sono tutti già presi da qui a 6 mesi ) quindi a meno che non vogliate farlo tra 7\8 mesi l’unico modo per prendere il biglietto è tramite il Ristorante http://www.haciendalosconejitos.com/  che vi offrirà un pacchetto con la cena presso il loro ristorante (in fondo troverete il menù che Vi riserveranno e vi dico anche, che non si mangia affatto male  ) + l’ingresso per il Caminito ad un prezzo di € 35,00

Come raggiungerlo:

io sono andata in macchina ed ovviamente è molto comodo, potrete   parcheggiare tranquillamente davanti all’ingresso nord, ma nella  pagina webhttp://par.janto.es/accesoCaminitoRey.php troverete  anche tutti i consigli utili, informazioni ed orari per raggiungerlo in treno.  (la stazione di El Chorro è vicina al Caminito e dispone di collegamenti con città come Malaga e Siviglia)

Dove alloggiare:

Noi abbiamo trovato un piccolo Hostel che stava a Antequera (una cittadina molto molto carina ma distante e scomoda,  sia per arrivare al ristorante che per arrivare all’ingresso del Caminito), quindi vi consiglio di alloggiare o nei dintorni di Ardales o ad Alora.  Sulle rive del fiume Guadalhorce ho visto che ci sono anche diversi camping e soste camper, l’attrazione di questa zona ovviamente non è solo El Caminito ma anche trekking, attività acquatiche, escursionismo, climbing e canyoning quindi sicuramente vale la pena passarci qualche giorno in più, sul sito www.guadalhorceturismo.com troverete tutte le info necessarie e gli alloggi convenzionati. Inoltre vi ricordo che Malaga si trova a meno di 50 chilometri di distanza.

Che dire!? Se soffrite di Vertigini…. Non è il caso di percorrerlo!

Ho visto persone stare male e non riuscire ad attraversare il ponte… ma se avete quel pizzico di coraggio in più ,

in Caminito vi regalerà un’esperienza unica ed INDIMENTICABILE!!!!!

Buon Camino Viaggiatori! Alla prossima esperienza!!

17

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *